Fotografare sotto la pioggia

Viaggiare (o rimanere in città) con la pioggia è sicuramente un'opportunità da sfruttare a fondo per fare fotografie particolari.

-----------------------------------------------------------------------------------------

Scrivi alla Redazione 

Tutti vorrebbero poter godere di una bella giornata di sole brillante.
Tutti, tranne i fotografi più creativi: loro preferiscono una bella pioggia, un temporale, neve, nebbia fitta, vento, ghiaccio...
Ciò che altri eviterebbero, fa la gioia di un vero fotografo.
È un piccolo "segreto" per scatti unici, altrimenti impossibili.
Vediamo insieme:


7 vantaggi straordinari del brutto tempo

Edit galleryarcobaleno colorato
  1. "Audentes fortuna iuvat". Poche persone, in linea di massima, fotografano con il tempo brutto: i più preferiscono il sereno, l'aria quieta, sole e cielo terso.
    Già questo contribuisce a rendere "speciali", le immagini scattate sotto la pioggia. Quel minimo di disagio legato all'andare in giro sotto l'acqua è abbondantemente ripagato dal poter assistere a situazioni ed eventi insoliti: fulmini, nuvole nerissime, grandine, arcobaleni, nebbia... Sono tutte cose che solo una minima frazione di fotografi sono pronti a riprendere: Virgilio ha ragione, la fortuna favorisce chi osa :-)


Edit gallerycimitero nella nebbia
  1. La combinazione di alcuni soggetti con pioggia, nebbia o temporali risulta spesso particolarmente espressiva. Esistono infatti, nella nostra natura psicologica, dei collegamenti forti tra stati d'animo particolari e determinati eventi meteorologici, i quali possono influenzare il nostro umore in modo deciso. Alcuni soggetti a volte letteralmente necessitano di una particolare condizione climatica.


Edit galleryPioggia a Istanbul
  1. Molte persone, con la pioggia, evitano di andare in giro inutilmente: così gli spazi si liberano, permettendo di avere viste più "pulite" di strade, monumenti, parchi ad altre aree normalmente gremite.
    Beh, sì, insomma, lo confessiamo: tante volte ci verrebbe da "mandare a casa" le frotte di turisti che si piazzano (o incrociano) dondolando davanti ad un monumento, una veduta, un paesaggio, proprio mentre siamo intenti a fotografare. Ebbene, con la pioggia spesso il problema si risolve da solo: turisti e dondoloni si diradano e spariscono automaticamente :-)


Fontana di Trevi ripresa con il cielo terso e con la pioggia

  1. La luce diffusa dalle nuvole riduce i contrasti, rende più leggibili le ombre e le alte luci. Spesso è più semplice fotografare con la luce morbida di una giornata coperta, anziché con il cielo terso ed il sole incidente, quando le zone chiare della scena tendono a bruciare e le ombre appaiono chiuse e quasi nere.

    Con nebbia e nuvole molto basse la diffusione della luce diviene totale, le ombre si annullano, tutto si appiattisce ed assume un carattere unico.
    Clicca qui per capire meglio la differenza fra luce dura e luce morbida.


Edit galleryRiflessi di neon sul bagnato e fotografo con il treppiedi
  1. Il bagnato e le pozzanghere aiutano i riflessi e creano condizioni uniche, sia di giorno che, la sera o la notte, moltiplicando l'effetto delle illuminazioni artificiali.
    I riflessi sono, per conto loro, uno straordinario elemento di composizione fotografica: ecco alcuni esempi di riflessi.


Edit galleryFotografia scattata con una posa lunga 5 minuti
  1. Scattare con tempi lunghi è una possibilità spesso offerta dalla ridotta luminosità di un cielo coperto. Questo può essere sfruttato per pose in cui il mosso ha un valore estetico positivo nell'immagine. Un modo molto interessante (e per molti nuovo) di "vedere" quanto ci circonda.
    Il mosso, così come lo sfocato, sono valori estetici intimi alla fotografia, che non si ritrovano nelle altre arti visive (cinema a parte); noi crediamo che sia utile ricordarsene e farne tesoro. In un nostro vecchio notiziario abbiamo un articolo su un fotografo che adopera spesso il mosso a fini estetici, con successo.


Edit galleryFoto di Angelo Amboldi
  1. Dopo la pioggia rispunta sempre il sole!
    Non è solo una metafora (comunque vera!), ma un richiamo a stare pronti per cogliere effetti di luce, colori, arcobaleni, riflessi, scene che altrimenti, in condizioni normali, spesso appaiono piatte e senza presa.




9 consigli utili per scattare fotografie sotto la pioggia

Edit galleryragazza fotografa con ombrello mentre piove
  1. Resistere alla tentazione di lasciare a casa (o in albergo) la macchina fotografica quando è prevista pioggia. Al contrario, partire fiduciosi in caccia d'immagini speciali!


Edit galleryUn ombrello è utile per riparare la macchina
  1. Un ombrello è senz'altro la scelta migliore per riparare l'apparecchio fotografico.
    Il paraluce, se disponibile, va tenuto montato perché protegge la lente frontale dalle gocce.
    Se si teme che pioverà troppo, un filtro trasparente può eventualmente essere avvitato sulla lente.


Edit gallerysacchetto protezione macchina fotografica pioggia
  1. Una copertura impermeabile per l'apparecchio fotografico è da prevedere se piove molto. Basta un sacchetto di plastica con un elastico per stringerlo sul barilotto dell'obiettivo.
    In alternativa, si può avvolgere la macchina con della pellicola trasparente da cucina, lasciando aperta la lente frontale dell'obiettivo.
    Un sacchetto di plastica, tra l'altro, non pesa nulla ed è sempre un'ottimo accessorio da tenere nella borsa, non solo per riparare la macchina fotografica quando piove ma anche da sfruttare ad esempio anche per creare dei riflessi e scattare fotografie con creatività.


Macchina fotografica digitale anfibia
  1. Una piccola macchina compatta digitale anfibia è molto utile anche per scattare tranquillamente fotografie sotto la pioggia.
    O sotto la doccia!
    :-)


Edit galleryFotografia scattata dalla finestra di casa mentre piove
  1. Rimanere al riparo va bene lo stesso :-)
    Non è necessario inzupparsi per forza.
    Si può anche stare a casa: dalla finestra spesso vengono fuori inquadrature interessanti.
    Oppure è possibile ripararsi in qualche luogo (portico, bar,...) o anche rimanere comodamente seduti in macchina, parcheggiati in qualche strada.


Edit gallerypioggia a new york
  1. L'ombrello può essere adoperato come una quinta per inquadrare la scena, o per occultare una parte di cielo troppo luminosa, o ancora semplicemente per rendere meglio, agli occhi di chi osserva la fotografia, l'idea che effettivamente sta proprio piovendo!


Edit galleryGocce di pioggia fotografate con il giusto tempo di esposizione
  1. Dare la giusta sensazione di pioggia non è facile: spesso le gocce appaiono poco distinte nella fotografia. Occorre trovare la giusta illuminazione per le gocce e calibrare bene il tempo di posa (fare alcune prove) perché lasci fare alle gocce una leggera strisciata nel fotogramma.
    Può essere spesso conveniente scegliere una fonte di luce (flash, vetrina, lampione, sole,…) di tre quarti posteriore.
    Se si adopera il flash montato sulla macchina, abbassarne la potenza di qualche diaframma perché renda un effetto piacevole.


Edit galleryI vetri bagnati rendono l'idea della pioggia
  1. Includere nell'immagine degli indizi visivi che diano il senso dell'acqua: ombrelli, pozzanghere, schizzi... è un altro sistema per dare la sensazione di pioggia.
    Le gocce che imperlano i vetri oltre ad essere funzionali (per mostrare che piove) possono anche costituire soggetti e/o quinte per fotografie particolari.


Edit galleryfotografo cammina fra pioggia e neve con treppiede portland oregon
  1. Un treppiede è molto utile perché potrebbero essere necessari tempi lenti di esposizione. Se si monta poi la macchina sul treppiede, si conservano le mani libere per tenere l'ombrello ;-)

    Occorre fare attenzione alla differenza di luminosità fra il cielo e la terra: spesso il primo, anche se molto nuvoloso, risulta assai più chiaro dei soggetti inquadrati (case, persone, prati,...). Tenerne conto nel regolare l'esposizione adatta, altrimenti si rischia di portare a casa soggetti fortemente sottoesposti.




Fotografie con la pioggia, la neve ed il tempo avverso

Una piccola galleria d'immagini

Edit galleryalbero nella pozzanghera passante con ombrello e tubi al neon chicago downtown arcobaleno a stonehenge passeggiata fotografica sotto la pioggia torre eiffel illuminata sera riflessi pioggia foglia autunnale sul bagnato gocce di pioggia sulla jatropha nebbia campanili stagione piovosa a shanghai ritorno con la pioggia pioggia e rete metallica pozzanghera autunnale foglia marrone con gocce parigi sotto la neve
Condividi con i tuoi amici Condividi con i tuoi amici


Altre pagine che ti potrebbero interessare:

Ti piace questa pagina? Condividi con i tuoi amici Condividi con i tuoi amici

Pin It


  Scrivi il tuo contributo

Commenti

Jane Thomas 11 febbraio 2013
A superb collection of creative and beautiful rainy photos. It demonstrates that the best photography can continue even in wet weather! Very inspirational work.
[Traduzione] Una fantastica collezione di belle fotografie creative, tutte con la pioggia. A dimostrazione che la fotografia migliore non si ferma di fronte al tempo avverso! Un'ottima fonte d'ispirazione.
kirpi 12 febbraio 2013
You are quite right, Jane. Bad weather, no matter how rainy, foggy, windy, snowy or stormy, does not hinder anyone from passionate, good photography. Instead, chances are that unusual, interesting shots can be made.
It is snowing right now in Italy and here's to you an image of Milano: it is a well known picture by Mario De Biasi (a renowned italian photographer), which went for sale at Christie’s not so long ago (click to see it larger).
Mario De Biasi - Piazza Duomo - Milano - 1951
I post it here for we just published a short article http://millenuvole.org/s64 suggesting to haunt free online auction catalogues (a not so well explored resource for many) in search of inspiration :-)
[Traduzione] Hai proprio ragione, Jane. Il tempo brutto, che sia pioggia, nebbia, vento, neve o tempesta, non può frenare un genuino interesse per la fotografia. Al contrario, è ben possibile che si trovino occasioni per scatti particolari.
Proprio ora sta nevicando in Italia, ed eccoti un'immagine di Milano: è una stampa molto nota di Mario De Biasi (un fotografo italiano famoso), andata in vendita da Christie’s non troppo tempo fa (clicca per vederla più grande). La metto qui perché recentemente abbiamo pubblicato un breve articolino http://millenuvole.org/s64 suggerendo di esplorare su internet i cataloghi delle aste (troppo spesso negletti dai più) in cerca di idee :-)

Iscriviti alla Newsletter gratuita di Millenuvole!

Cosa trovi nel nostro Notiziario?

Le novità del sito su fotografia, viaggi, cultura e tempo libero.

Anteprima newsletter